Grano d'Aprile

Vittoria Coppola

Finalmente in apnea (grazie ad un grande romanzo)

25062013102954_sm_4419

Si intitola Nessuno sa di noi, è stato scritto dalla bravissima – a dir poco – Simona Sparaco.
L’ho acquistato decidendo che sarebbe diventato "la mia lettura estiva".

L’ho scelto istintivamente, come spesso mi capita.
Il titolo mi ha subito conquistata. La trama mi ha sedotta.

Le prime pagine mi hanno trascinata in una apnea che non mi capitava di vivere da tanto, tantissimo tempo.
È un romanzo che parla magnificamente e intensamente di maternità e coraggio.

Fatemelo dire: viva le donne che parlano della nascita dei figli, di ciò che ineluttabilmente comporta e di tutto il carico d’amore che invade loro l’anima.

Un libro che – per me – è una meraviglia.
Non ricordo se su questo blog l’ho già fatto, ma ne consiglio la lettura.

Per un’estate? Ma no!, per ogni battito di vita.

25 giugno 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Vittoria Coppola

Nata in Salento, splendido territorio in cui tutt’ora vive e lavora.
Per diversi anni ha lavorato nel settore turistico, che continua a seguire con passione e interesse.
Ha due romanzi all’attivo. Il primo – “Gli occhi di mia figlia” – grazie ai lettori che lo hanno sostenuto, nel 2012 ha vinto l’annuale concorso-sondaggio del Tg1 “Il libro dell’anno lo scegli tu”-Billy il vizio di leggere.
Il secondo romanzo è uscito nel novembre 2012, si intitola “Immagina la gioia”. Ad oggi è alla terza ristampa.
Entrambi sono editi da Lupo Editore.
Nel luglio 2012 ho ricevuto il Premio Nazionale Vrani per la Cultura.

Utenti online