Grano d'Aprile

Vittoria Coppola

Giornata della Memoria. Io ricordo, io rivivo

27012015113045_sm_10564

Mi succede ogni anno, intorno alla data di oggi.

 
Rivivo un malessere che non vuole passare. Rivivo l’angoscia. La tristezza.

 

Ricordo di averla sempre attraversata, la tristezza. Da che ho cominciato a capire.

 

Da che ho letto sui libri quanto noi uomini possiamo essere bestie. E mi permetto di usare questo termine, non tanto perché sia adatto alla circostanza, piuttosto perché al momento non me ne viene un altro.

 

Dovrei scavare, fino ad afferrare l’indicibile.

 

Ricordo quante domande ho fatto e quante ancora sono ferme lì, a graffiare le viscere con aberrante costanza.

 

E poi comprendo che la mia è una angoscia scaturente dal ricordo di una sensazione che silenziosa mi accompagna. Perché io non ho vissuto in prima persona.

 

Perché, se avessi vissuto, oggi mi sentirei dannatamente sola.

 

E non perché la gente non ricordi, non abbia memoria, non voglia fermarsi a pensare.

 

Semplicemente perché si è soli nella gioia, figuriamoci nel dolore.

 

Io ricordo. Rivivo sensazioni.

 

E mai vorrò smettere di farlo.

 

27 gennaio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Vittoria Coppola

Nata in Salento, splendido territorio in cui tutt’ora vive e lavora.
Per diversi anni ha lavorato nel settore turistico, che continua a seguire con passione e interesse.
Ha due romanzi all’attivo. Il primo – “Gli occhi di mia figlia” – grazie ai lettori che lo hanno sostenuto, nel 2012 ha vinto l’annuale concorso-sondaggio del Tg1 “Il libro dell’anno lo scegli tu”-Billy il vizio di leggere.
Il secondo romanzo è uscito nel novembre 2012, si intitola “Immagina la gioia”. Ad oggi è alla terza ristampa.
Entrambi sono editi da Lupo Editore.
Nel luglio 2012 ho ricevuto il Premio Nazionale Vrani per la Cultura.

Utenti online