Grano d'Aprile

Vittoria Coppola

Giornata Mondiale del Libro

23042013111927_sm_3864

Sono belle e necessarie, le giornate dedicate al libro.

Io, a dispetto delle nuove tecnologie, continuo a preferire la carta.

Il libro: un insieme di pagine che esiste da anni ed è sempre fedele a se stesso.
Fateci caso: non cambia, e non è cambiato.

Eppure, da anni, ogni libro è diverso da un altro.
Attraverso le sue pagine abbiamo l’opportunità di vivere in tanti mondi e tempi diversi.

E quando una storia appare simile ad un’altra, ecco che interviene l’unicità dell’autore. Del SUO autore. Che parla di se stesso e del suo modo di intendere il mondo, pur non raccontando la sua vita.

Durante l’ultima presentazione del mio romanzo, una signora dagli occhi scuri mi ha detto di non credere che nel mio libro io non raccanti la mia storia.

È bizzarro come il lettore voglia che l’autore sia il protagonista stesso del suo libro.
Capita anche a me, lo ammetto.

In questi giorni sto leggendo un libro di Hanna Richell, autrice inglese alla sua opera d’esordio.
Ebbene, non ho letto da nessuna parte che il suo sia un romanzo autobiografico. Eppure, nella mia testa, lei può certamente essere Dora, una delle protagoniste (anzi: deve esserlo!). Non chiedetemi perché!

Dunque, oggi più di ieri, leggete un libro ed onorate questa splendida giornata. In fondo, chi altro è capace di donarvi un mondo, ogni volta che lo sfiorate con le dita?

© Riproduzione Riservata
Tags

Vittoria Coppola

Nata in Salento, splendido territorio in cui tutt’ora vive e lavora.
Per diversi anni ha lavorato nel settore turistico, che continua a seguire con passione e interesse.
Ha due romanzi all’attivo. Il primo – “Gli occhi di mia figlia” – grazie ai lettori che lo hanno sostenuto, nel 2012 ha vinto l’annuale concorso-sondaggio del Tg1 “Il libro dell’anno lo scegli tu”-Billy il vizio di leggere.
Il secondo romanzo è uscito nel novembre 2012, si intitola “Immagina la gioia”. Ad oggi è alla terza ristampa.
Entrambi sono editi da Lupo Editore.
Nel luglio 2012 ho ricevuto il Premio Nazionale Vrani per la Cultura.

Utenti online