Grano d'Aprile

Vittoria Coppola

I buoni esempi offerti anche da un libro

22042013113312_sm_3852

Si parla spesso, tanto spesso, di perdita di valori, di smarrimento della famiglia.
Sarà vero, in qualche misura. Certamente.
I fatti di cronaca non ci aiutano…

Tuttavia, i libri ci offrono sempre di più, storie di famiglia e rapporti tra genitori e figli, fratelli e sorelle.
Ora per me è facile proporre i miei romanzi ad esempio di questo.

Gli occhi di mia figlia e Immagina la gioia nascono proprio all’interno di nuclei famigliari, siano essi perfetti oppure no.
Tuttavia, al di là delle mie creature, mi sto imbattendo sempre più spesso in testi che prendono vita attraverso dinamiche famigliari in cui è bello potersi riconoscere.

 

A dispetto di ciò che accade nella società, la maternità resta un tema forte dei romanzi, anche contemporanei. Penso a La luce sugli oceani (di cui ho scritto giorni fa), ma anche a “Le bambine che cercavano conchiglie" (la mia lettura attuale).
Si tratta di romanzi profondi, autentici, che ci mostrano realtà famigliari complesse, sì, ma estremamente verosimili.
Dunque mi viene naturale esortare i lettori a scegliere di leggere questi testi, almeno una volta.

 

Ed anche nelle scuole, mi auguro vengano proposti ai ragazzi, libri in cui la bellezza della maternità o della sincerità tra fratelli, genitori e figli, viene raccontata. Con parole immediatamente comprensibili.

 

La bellezza di cui parlo, certamente non esclude falsità o parole non dette. Però è bene capire che la serenità ed il rispetto possono esistere. Eccome. A partire dalla famiglia.

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Vittoria Coppola

Nata in Salento, splendido territorio in cui tutt’ora vive e lavora.
Per diversi anni ha lavorato nel settore turistico, che continua a seguire con passione e interesse.
Ha due romanzi all’attivo. Il primo – “Gli occhi di mia figlia” – grazie ai lettori che lo hanno sostenuto, nel 2012 ha vinto l’annuale concorso-sondaggio del Tg1 “Il libro dell’anno lo scegli tu”-Billy il vizio di leggere.
Il secondo romanzo è uscito nel novembre 2012, si intitola “Immagina la gioia”. Ad oggi è alla terza ristampa.
Entrambi sono editi da Lupo Editore.
Nel luglio 2012 ho ricevuto il Premio Nazionale Vrani per la Cultura.

Utenti online