Grano d'Aprile

Vittoria Coppola

Premio Strega, la mia attesa…

04072013150610_sm_4509

È la prima volta che mi capita di leggere un libro candidato allo Strega, quando si è ancora in attesa del responso. Parlo di Nessuno sa di noi, della Sparaco.

Come già detto in questo spazio, trovo il suo libro incantevole.
Dunque, tifo candidamente per la sua autrice.

E poi c’è Mandami tanta vita (Paolo Di Paolo): un titolo pieno, emozionante, che lascia una scia nella bocca. Non conosco il contenuto delle pagine, ma le leggerò, questo è certo!

La paternità tesse le fila di altre due storie, e poi… Resistere non serve a niente: altro titolo, altro mondo in cui imbattersi. Senza resistenze, come vuole il titolo!

Il proposito dei prossimi mesi è quello di leggerli tutti.
Nel frattempo, mi godo l’attesa…

4 luglio 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Vittoria Coppola

Nata in Salento, splendido territorio in cui tutt’ora vive e lavora.
Per diversi anni ha lavorato nel settore turistico, che continua a seguire con passione e interesse.
Ha due romanzi all’attivo. Il primo – “Gli occhi di mia figlia” – grazie ai lettori che lo hanno sostenuto, nel 2012 ha vinto l’annuale concorso-sondaggio del Tg1 “Il libro dell’anno lo scegli tu”-Billy il vizio di leggere.
Il secondo romanzo è uscito nel novembre 2012, si intitola “Immagina la gioia”. Ad oggi è alla terza ristampa.
Entrambi sono editi da Lupo Editore.
Nel luglio 2012 ho ricevuto il Premio Nazionale Vrani per la Cultura.

Utenti online